Attenti a quei due. A Davide Melone e Giacomo Nevi la panchina dell’Orvietana Allievi

Questo articolo è stato letto 7682 volte

di Gabriele Pace

Iniziano a delinearsi le strategie in casa Orvietana.
Dopo settimane di consultazioni e fitti colloqui, cominciano a riempirsi le caselle relative alle conduzioni tecniche per la stagione sportiva giovanile 2016/2017.
La prima decisione riguarda gli Allievi Regionali A2, sulla cui panchina si siederà il debuttante Davide Melone.
Fresco di abilitazione con risultati lusinghieri nel proprio corso, Melone ha battuto in volata una agguerrita e qualificata concorrenza.
Orvietano, classe ’86, ex centrocampista di grande temperamento e qualità tecnica, vanta una buona carriera nei dilettanti.
Due presenze in serie D con la casacca biancorossa a 19 anni, più altre tre in coppa Italia, seguite da varie  stagioni fra promozione ed eccellenza umbra e laziale con le maglie di Lubriano, Guardea, Bagnoregio e Ciconia.
Il tutto prima che la rottura dei legamenti crociati ponesse prematuramente fine alla sua esperienza da giocatore.
A coadiuvarlo, in qualità di vice, confermato Giacomo Nevi, altro appassionato neo tecnico trentenne made in Orvieto, con alle spalle un buon passato da centravanti.
I due succedono a Enrico Broccatelli, approdato di recente alla Vigor Acquapendente, formazione di eccellenza laziale.
Chiarissimo l’obiettivo della società: confermare e migliorare gli ottimi risultati conseguiti nella scorsa annata – terzo posto sotto età in campionato e vittoria storica del Torneo Frustalupi – puntando alla risalita in A1.
Oltre che alla definitiva consacrazione di quanti più elementi possibili in ottica prima squadra.

Per me, è un ritorno a casa dopo 10 anni, nella società in cui sono cresciuto e grazie alla quale ho raggiunto tanti traguardi – afferma Melone – ho valutato una serie di offerte provenienti da diverse realtà ternane, ma alla fine ha prevalso il cuore e l’attaccamento ai colori bianco-rossi ed al cuor non si comanda.
La squadra che guiderò quest’anno, grazie al grande lavoro di mister Broccatelli e del grande spirito che ha saputo imprimere nei giocatori , ha raggiunto importanti traguardi.
L’obiettivo è chiaro, sarà quello di migliorarsi ancora, ma nel calcio nulla è scontato, bisogna sudare e lavorare per raggiungere quel sogno chiamato promozione in A1 e che spetta di diritto ad una società importante come l’Orvietana.
Il mio lavoro sarà coadiuvato da una persona di grande valore professionale come Giacomo Nevi.
Le basi  e le condizioni ci sono tutte per far bene, ora spetta  a noi non tradire le attese, da parte mia, l’impegno sarà massimo e cercherò di trasmettere alla squadra la mentalità giusta per arrivare a raggiungere i grandi obiettivi , sempre con umiltà e spirito di sacrificio.
Ringrazio la società Orvietana per avermi voluto accordare la fiducia; sposare un progetto così importante è per me motivo di grande orgoglio.”

L’Orvietana Calcio, nella persona di Mauro Bellini, nuovo direttore tecnico del settore giovanile, fa sapere che: “Siamo molto orgogliosi della scelta fatta. Dopo una stagione positiva che ci ha visti protagonisti, nonostante le varie difficoltà di coordinamento fra rose che quest’anno non dovranno ripetersi, vogliamo assolutamente dare continuità alla crescita umana e calcistica del gruppo allievi.
Per farlo al meglio, abbiamo deciso di puntare su un tecnico locale brillante, giovane e motivato, capace di perpetuare quello spirito di appartenenza e carattere che quest’anno hanno fatto la differenza.
L’ambizione è ovvia: migliorarsi per vincere e tornare in A1.
Noi faremo la nostra parte, per mettere i ragazzi nelle condizioni ideali a raggiungere questo obiettivo.
Con l’occasione, oltre a dare il nostro benvenuto a Davide, vorremmo anche ringraziare pubblicamente il suo predecessore Broccatelli, augurandogli le migliori fortune calcistiche
“.

Per finire, Giacomo Nevi, consapevole del difficile campionato che si accingono ad iniziare gli Allievi, sostiene che “le aspettative della società sono quelle di vincere il campionato, ma vincere non è mai facile. Quindi la stagione sarà un banco di prova per questa squadra che ha delle grandi potenzialità. Io spero che quest’anno servirà tanto ai ragazzi per crescere, soprattutto a livello caratteriale. Sono molto contento di aiutarli in questo percorso. Davide è un grande professionista, scrupoloso, e anche se è alla prima esperienza, la vivrà come se fosse già un veterano.”

james

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *