lunedì, Giugno 17contatti +39 3534242011
Shadow

Il solito Cioci riaddrizza una partita maledetta

Pali, parate impossibili del portiere avversario, un paio di decisioni arbitrali avverse, poi lo Spoleto trova il gol al primo tiro in porta: tutto sembra girare contro. Ma ci pensa Giuliano Cioci al minuto 89 a riacciuffare il pari: salvezza a meno 4, ma si avvicina anche la zona retrocessione diretta. Polemiche per l’esclusione di Famiano.

ORVIETANA – V. SPOLETO 1-1

ORVIETANA (4-4-2): Nulli; Proietti (47’st Crisanti), Nuccioni, Fenucci, Frizzi; Panico, Ingrosso (38’st Famiano), Chiasso, Fattorini (25’st Moneti); Bruzzone, Cioci. A disp.: Pasquini, Morasca, Ciccone, Serafini. All.: Loddo (Marini squalificato).

V. SPOLETO (4-3-3): Mazzoni; Ferreira (17’st Biviglia), Ingiosi, Patarini, Ercolanetti; Cesari, Ganje, Manni (17’st Romani); Cavitolo, Di Giuseppe (33’st Esposito), Caporali. A disp.: Conti, Ventanni, Langiotti, Camilli. All.: Borrello.

ARBITRO: Doronzo di Barletta.

MARCATORI: 30’st Caporali (VS), 44’st Cioci (O).

NOTE: Giornata fredda e piovosa, terreno allentato. Spettatori circa 250, ammoniti: Mazzoni, Patarini, Cesari, Caporali (VS), Fenucci (O). Angoli: 5-3 per la Voluntas, recupero: pt: 0’; st: 5’.

Era l’ultima gara contro formazioni di alta classifica prima di quattro scontri diretti consecutivi. Il pari alla fine ha concesso di rosicchiare un punto a Montevarchi, Scandicci, Sestese e Deruta, ma di perderne due nei confronti di Arezzo, Fortis Juventus e Monteriggioni. Ora la zona salvezza dista quattro lunghezze, quella retrocessione diretta è sotto di tre. Ma contro lo Spoleto l’Orvietana ha fornito una delle migliori prestazioni, sfiorando il gol a ripetizione, alcune volte per colpa di proprie imprecisioni, altre volte per la giornata di grazia del baby portierino ospite Mazzoni. Ma anche l’arbitro ci ha messo del suo negando un evidente rigore su Bruzzone sullo 0-0 e probabilmente commettendo due errori in uno dopo appena cinquanta secondi dall’inizio: prima giudicando fuori area l’intervento del portiere ospite (forse invece in area) e poi solo ammonendolo. Il rosso che era sembrato ormai scontato anche allo stesso portiere, avrebbe però privato la gara dell’assoluto protagonista di giornata.

Ma oltre agli episodi in campo, c’è da registrare un nuovo caso che riguarda Pietro Famiano: escluso dalla formazione titolare ufficialmente per un risentimento muscolare al polpaccio, mandato in campo solo negli ultimi dieci minuti, il fantasista campano non ha perso l’occasione nel dopo partita di dire la sua “Infortunato io? Assolutamente no, non ho nulla sto benissimo, sono stato escluso per scelta tecnica. Ognuno si deve prendere le sue responsabilità, io mi sento sempre parte di questa squadra, ma soprattutto parte degli orvietani, poi l’allenatore può fare tutte le scelte che vuole. Io ho fatto sempre il mio lavoro e i numeri parlano chiaro, nel passato ho giocato con tutti i problemi fisici, con le infiltrazioni, oggi non avevo assolutamente nulla. Voglio fare il bene dell’Orvietana e degli orvietani che ci tengono a me e voglio regalare loro la salvezza”. Messaggio chiaro, ancor più chiaro il destinatario: Luciano Marini che però era squalificato (lo sarà anche domenica prossima) e non c’è stata la possibilità di replica. Sembra comunque che sia scattata qualche scintilla all’ultimo allenamento e l’esclusione di Famiano potrebbe essere più a carattere disciplinare che tecnico.

Ma veniamo ai novantacinque minuti giocati. Nella Voluntas mancano Falzone ed Esposito, tra i padroni di casa oltre l’assenza punitiva di Famiano che porta in campo Bruzzone accanto a Cioci, sono squalificati anche Rovella e Pepe ed infortunati Mvuemba ed Agostini. Ne esce fuori un 4-4-2 che alla fine è sembrato molto più consono ad una squadra che deve salvarsi. Nemmeno un minuto e il portiere ospite in uscita ferma un’azione dei biancorossi, per l’arbitro il portiere ha preso palla fuori dall’area di rigore, restano dubbi sulla decisione, meno sul provvedimento conseguente: solo cartellino giallo. Passano pochi minuti e Cioci si ritrova solo in area ma si allunga troppo la palla. A metà tempo il gol sembra cosa fatta: Panico da posizione defilata fa partire un fendente che si stampa sull’incrocio dei pali complice anche la deviazione del portiere, sulla ribattuta Bruzzone crossa al centro dove Cioci di testa fa fare ancora una grande figura a Mazzoni. Dieci minuti dopo mischia in area, prima Bruzzone poi Fattorini provano la conclusione sempre ribattuta dal portiere. Allora ci riprova Cioci con una spettacolare girata: Mazzoni in tuffo fa ancora il fenomeno. E lo Spoleto? Si fa vedere solo con una conclusione dalla distanza di Caporali che impegna Nulli.

Il secondo tempo inizia sullo stesso copione: dopo soli dieci minuti Cioci di testa avrebbe ancora la palla buona, ma colpisce debole e Mazzoni salva di nuovo, sulla ribattuta si vede però nettamente la maglia di Bruzzone allungarsi per la trattenuta di Patarini, l’intervento evita che Bruzzone possa avventarsi sul pallone: il rigore pare netto ma l’arbitro lascia proseguire tra le proteste. Poco dopo super Mazzoni è chiamato ancora agli straordinari prima su Bruzzone, quindi sul tiro dalla distanza di Ingrosso che gli rimbalza pure davanti: ma col braccio di richiamo il portiere spoletino continua a mostrare tutto il suo repertorio straordinario.

Ed ecco che allora a passare in vantaggio sono gli ospiti: lancio lungo di Patarini, Frizzi e Nuccioni lasciano rimbalzare la palla, Nulli era uscito in attesa del retropassaggio dei compagni, ma la palla schizza sul terreno bagnato, arriva a Caporali che trova potenza e precisione per segnare dalla distanza. Gelo sul Muzi,si vedono dirigenti e tifosi mettersi le mani tra i capelli. Marini dalla tribuna (il tecnico è squalificato) fa capire che è l’ora di mandare in campo Famiano, sperando che la rabbia per l’esclusione possa trasformarsi in grinta ed energia per acciuffare il pareggio. Ma a collezionare l’azione vincente per l’Orvietana sono i due meno in campo: sul finale Chiasso trova il suggerimento per Cioci che scappa via alla difesa e trova l’unico modo per superare Mazzoni: un pallonetto preciso che tiene ancora a galla l’Orvietana.

SPOGLIATOI:

Marco Loddo vice allenatore Orvietana:

“Dopo tre sconfitte, con un portiere avversario così, bisogna essere felici anche di un punto. Abbiamo pagato una disattenzione in una partita dove abbiamo avuto un sacco di occasioni, è mancata un po’ di cattiveria al momento di concludere. Famiano? Marini ha provato varie soluzioni in settimana, poi Famiano aveva un problema al polpaccio destro e si è deciso di infoltire il centrocampo, mi pare che i fatti ci abbiano dato ragione”.

Pietro Famiano, attaccante Orvietana:

“Ho giocato solo dieci minuti, troppo poco, io sto benissimo non ho niente, non nascondiamoci dietro a problemi che non ci sono, è stata solo una scelta tecnica dell’allenatore. Ognuno si deve prendere le sue responsabilità, io mi sento sempre parte di questa squadra, ma soprattutto parte degli orvietani, poi l’allenatore può fare tutte le scelte che vuole. Io ho fatto sempre il mio lavoro e i numeri parlano chiaro, nel passato ho giocato con tutti i problemi fisici, con le infiltrazioni, oggi non avevo assolutamente nulla. Voglio fare il bene dell’Orvietana e degli orvietani che ci tengono a me e voglio regalare loro la salvezza”.

Alberto Del Frate, direttore sportivo Voluntas Spoleto:

“Sarebbero stati tre punti importanti, ma onestamente sarebbe stato troppo per quello visto in campo. Oggi siamo stati al di sotto del nostro standard, altre volte era stata una crisi di risultato non di prestazione, magari meritavamo di fare punti e non li abbiamo fatti come a Città di Castello, è un momento un po’ così bisogna accontentarsi del punticino”.

Roberto Borrello, allenatore Voluntas Spoleto:

“Ci dispiace che ci hanno recuperato negli ultimi minuti, ma l’Orvietana sinceramente ha meritato, non avevamo mai lasciato così tante palle gol agli avversari come in questa occasione, il campionato è tutto da giocare, Perugia a parte c’è un bell’equilibrio, veniamo da un momento non brillante sul piano dei risultati, ma vogliamo provare a recuperare le posizioni nobili della classifica”.

Elia Mazzoni, portiere Voluntas Spoleto:

“Sull’episodio iniziale sono partito male, anche se la palla l’avevo presa nettamente in area, poi ovvio che dopo quell’errore dell’arbitro che ha giudicato fuori la mia posizione, una volta fischiata la punizione mi aspettavo l’espulsione. Invece con l’ammonizione ho avuto la possibilità di riscattarmi. La parata più dura? Magari avrà fatto meno impressione, ma quel tiro di Ingrosso che mi ha rimbalzato davanti è stato durissimo a respingerlo in corner”.

Giuliano Cioci, attaccante Orvietana:

“Quando si sbagliano così tanti gol, anche per sfortuna, c’è il rischio che le perdi pure queste partite. E’ stata una delle migliori prestazioni della squadra, ma prendere quel gol dopo aver dominato poteva essere un colpo mortale, invece abbiamo reagito e riacciuffato il risultato. Ripartiamo con questo spirito, sono sicuro che possiamo salvarci”.

Gennaro Esposito, attaccante Voluntas Spoleto:

“E’ stata una partita sofferta, ma eravamo riusciti a trovare il gol, con un po’di attenzione si poteva vincere, anche se sinceramente il risultato è più giusto così. Tante volte abbiamo perso in maniera analoga senza meritate stavolta magari ci poteva andare bene, invece ci dobbiamo accontentare del pari. Sto recuperando dall’infortunio, spero di tornare a fare gol per dedicarlo anche alla mia bambina che è nata da poco”.

——————————————————————————————————–

Risultati 25° giornata:

Atletico Arezzo – Castel Rigone 1-0; Sporting Terni – Deruta 1-0; Flaminia Civita Castellana – Fortis Juventus 0-1; Todi – Montevarchi 4-1; Sestese – Perugia 0-3; Pontevecchio – Pianese 0-1; Group Castello – Sansepolcro rinviata al 17/3; Monteriggioni – Scandicci 2-1; Orvietana – Voluntas Spoleto 1-1.

Classifica:

Perugia 58; Todi 52; Castel Rigone 49; Sansepolcro * 42; Group Castello* 38; Pianese 38; Pontevecchio 37; V. Spoleto 37; Flaminia C. C. 36; Sp.Terni 35; Scandicci 28; Montevarchi 28; A. Arezzo 26; Orvietana 24; Deruta 23; Sestese 22; F. Juventus 21; Monteriggioni 20.

Prossimo turno:

A. Arezzo – Flaminia C. C.; Castel Rigone – Scandicci; Montevarchi – Fortis Juventus; Orvietana – Sestese; Perugia – Deruta; Pianese – Monteriggioni; Pontevecchio – Sp. Terni; Todi – Group Castello; V. Spoleto – Sansepolcro.

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

5 Comments

  • fulmine

    Partita maledetta? stagione maledetta! ditemi se vi ricordate una, una sola partita dove ci ha detto bene

  • calciofilo

    Ieri è stata secondo me la miglior partita in casa di quest’anno visto che la Virtus ha tirato in porta una volta oltre al pasticcio sul gol,la squadra ha dominato la partita,è stata sempre corta,anche grazie ad un ottima partita di Igrosso e Chiasso e non ha mai sofferto.
    Ovvio che il pareggio non serve a molto,però se si confermassero sempre queste prestazioni i punti si potrebbero fare.L’importante è trovare un minimo di continuità e non aspettare 3-4 partite adesso per riproporre una prestazione del genere,cosa che quest’anno è accaduto quasi sempre.
    Io spero solo che il problema di Famiano rientri in fretta perchè,lo dico da sempre,è l’unico giocatore davvero sopra le righe e che può cambiare la partita da solo di questa squadra.Anche se ieri la discrepanza tra le dichiarazioni dello staff e del giocatore mi ha lasciato molto perplesso.
    Faccio un accorato appello a Marini di non sprecare la risorsa più importante che abbiamo.Sarebbe un delitto.

  • Nicola

    Perdiamo a Perugia, dove non mi sembra che le altre abbiano vinto, e si scatena la mega polemica con 24 commenti.
    Pareggiamo una partita che strameritavamo di vincere e regna il silenzio.
    Forse ci vorrebbe un pò di equilibrio anche da parte di noi tifosi.
    Cerchiamo di giocare tutte le partite con lo stesso atteggiamento di ieri e poi alla fine tiriamo le somme.
    E’ arrivato il momento di tornare alla vittoria e la partita di domenica, in casa, non possiamo fallirla.
    FORZA RAGAZZI!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Banner to display

No Banner to display

Popups Powered By : XYZScripts.com