venerdì, Aprile 19contatti +39 3534242011
Shadow

Continua a vincere la Juniores di Olimpieri

Battuta e superata in classifica la Voluntas Spoleto. Stavolta è Lorenzo Frizzi, in “prestito” dalla prima squadra, a siglare il gol vittoria dopo appena sei minuti con una splendida punizione. Gara con molte occasioni, alla fine i tre punti fanno volare la squadra di Olimpieri nelle primissime posizioni in classifica.

ORVIETANA – VOLUNTAS SPOLETO 1-0

ORVIETANA: Barbabella, Muto (1’st Pepe), Graziani R., Di Maio, Pezzolla, Arcangeli, Grassini, Frizzi, Graziani C. , Cherubini (13’st Ragno), De Matteo (42’st Baldelli). A disp.: Roncella, Montagnolo, Parrino, Staiano. All.: Olimpieri.

V. SPOLETO: Lazzarini, Argentati, Settimi, Berta, Dari (13’st Micillo), Perrotta, Montesi (21’st Delle Donne), Gjata, Del Gallo, Pino (26’st Marceddu), Tulli. A disp.: Scerna, Jonuzzi, Lilli, Mancini. All.: Isidori.

ARBITRO: Trabalza di Foligno (Pantalloni e Bordino di Terni).

MARCATORE: 6’pt Frizzi.

NOTE: ammoniti: Barbabella, Grassini, De Matteo, Ragno (O); Berta (VS). Angoli: 6-2 per l’Orvietana. Recupero: pt:2’; st: 4’.

Vittoria e sorpasso in classifica proprio sugli avversari dello Spoleto che, prima di questa gara, avevano due punti in più in graduatoria. Gara che ha avuto tanti protagonisti, a partire dai due portieri abilissimi ad evitare che il risultato fosse più ricco di gol. Come spesso accade l’Orvietana si presenta con un undici molto più giovane degli avversari, ma alla fine a decidere l’esito dell’incontro, sarà proprio il giocatore che di anni ne ha di più, ovvero Lorenzo Frizzi, classe ’92 e unico, tra quelli alla corte di Volpi in prima squadra, ad approvare di andare a giocare con la Juniores. Scelta questa che sembra invece piuttosto rifiutata dal resto dei “grandi”. La Voluntas di giocatori del ’92 invece li schiera due e già dopo pochi istanti gli ospiti si presentano in area orvietana cominciando a scaldare le mani a Barbabella. Ma il primo sussulto dei padroni di casa genera subito l’episodio che deciderà la partita. E’ il sesto minuto e Dari atterra un avversario al limite dell’area. Sul pallone si presenta Frizzi che, da posizione leggermente defilata, con un gran tiro a girare insacca alle spalle di Lazzarini. La risposta ospite tre minuti dopo, gran discesa sulla sinistra di Tulli che mette palla al centro dove la difesa non riesce ad allontanare definitivamente, sulla palla, appena fuori area, arriva Pino che tira verso la porta, ma la sua pericolosissima conclusione è deviata da un difensore sopra la traversa. L’angolo non viene assegnato, e questa sarà solo la prima di tante decisioni strampalate di una terna arbitrale che alla fine ha scontentato tutti. Sempre Pino poco dopo si vede sventare una ghiotta occasione da una gran parata di Barbabella in uscita, dall’altra parte Cherubini prima e Cristiano Graziani poi fanno gridare al gol i propri tifosi, ma le loro conclusioni finiscono alte di un soffio, nel secondo caso grazie anche all’intervento del portiere ospite. Lazzarini risulterà decisivo ancora per tre volte prima dell’intervallo: sul tiro sottoporta sempre di Cherubini, sulla seconda punizione di giornata di Frizzi che era indirizzata precisamente all’angolino opposto rispetto a dove aveva insaccato il gol e infine sulla gran botta dalla distanza di Arcangeli. Tra queste parate del portiere spoletino, un’altra uscita a valanga del suo collega Barbabella che evita a Tulli la gioia di segnare il pareggio. Nella ripresa Olimpieri cambia subito Muto con Pepe e per almeno 20 minuti l’Orvietana perde il controllo del centrocampo. Ora sono gli ospiti a fare tanto possesso palla, ma senza creare veri pericoli. Il gioco è spezzettato, molte decisioni arbitrali generano confusione da entrambe le parti e lo spettacolo visto nei primi 45 minuti non si osserva più. L’Orvietana protesta anche per un atterramento in area di Cristiano Graziani, sul fronte opposto qualche fuorigioco fischiato lascia qualche dubbio. Nell’Orvietana entrano in campo anche Ragno e nel finale Baldelli, mentre Isidori inserisce Micillo, Marceddu e Delle Donne e quest’ultimo si rende pericoloso in un paio di occasioni, ma Barbabella controlla ogni pallone che si avvicina alla sua porta, facendo sempre un figurone. Il finale è prevedibilmente un assalto dello Spoleto che però non riesce a perforare la difesa di casa dove Riccardo Graziani è colui che lotta e corre più di tutti. Nei minuti di recupero per un paio di volte la palla entra in area orvietana, ma il più pericoloso è ancora una volta Frizzi che proprio mentre stanno partendo i titoli di coda, pennella l’ennesima punizione a lato di pochi centimetri.

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

3 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com