Ma dai! Mi hanno esonerato!!!

Questo articolo è stato letto 2279 volte

Durante i giorni passati in relax al mare vengo a sapere che l’Orvietana calcio ha ufficialmente scritto al direttore di questo giornale per chiedere di esonerarmi! Avete capito bene: una società chiede al direttore di un giornale di cambiare il corrispondente che li segue perché non gradito… (leggete qui la lettera formale dell’Orvietana) forse neanche in Cina succedono più queste cose. Ora vista la pochezza della vicenda, che scade abbastanza nel ridicolo, mi sembra inutile coinvolgere l’Ordine dei giornalisti, se non peggio…

Per fortuna potranno esonerare allenatori (e mi pare che negli ultimi anni ne hanno cacciati diversi), direttori ecc., ma non possono certo stare anche a scegliersi i giornalisti che li seguono (qua la replica del direttore di OrvietoSport) . Anzi finché ci sta ancora qualcuno che segue le vicende dell’Orvietana dovrebbero solo che essere contenti, visto peraltro che nessuno come il sottoscritto ha seguito le sorti biancorosse negli ultimi anni, tanta visibilità come su questo sito non la avranno mai altrove.

Invece già lo scorso anno si erano inventati un “silenzio stampa ad personam” solo perché avevo rivelato ciò che era una verità di fatto: la spaccatura tra l’allenatore e gran parte dello spogliatoio. Negarono anche l’evidenza, poi tempo due settimane è arrivato l’esonero come preventivato. Per non parlare del passato meno recente… Insomma se qualcuno si permette di cercare notizie sull’Orvietana in maniera indipendente deve essere sostituito secondo quel poco di società che è rimasta… ripeto neanche in Cina!

La cosa ancor più curiosa è che tutto scaturisce da un articolo copiato da altro giornale, cosa peraltro neanche fatta da me visto che ero fuori in quei giorni, ma comunque passata per il mio ok dato a voce, in cui è stata utilizzata una forzatura nel titolo a vantaggio e non certo a svantaggio della società (abbiamo scritto che la società vuole vincere, mica che vuole perdere!). Che poi Borrelli abbia detto che viene a Orvieto per vincere mi pare cosa che sta nei fatti. Curioso poi di come si sorprendano del fatto che sul nostro sito scriviamo quello che ci pare, forse è poco chiaro il concetto di libertà di opinione?

Leggo inoltre che io vorrei mettere l’Orvietana contro l’opinione pubblica. Temo che l’opinione pubblica sull’Orvietana sia già di parecchio compromessa e non certo per colpa di chi da più di dieci anni la segue come giornalista. Se aprissimo un forum dove chiunque possa dire la propria, non oso pensare che tipo di messaggi arriverebbero. Anzi mi pare che un paio di volte l’Orvietana stessa sul proprio sito abbia provato a tenere aperto un forum, ma sia stata sempre poi costretta a chiuderlo.

Infine sarei piuttosto curioso di sapere se questo comunicato a firma “Orvietana calcio” sia stato scritto dal presidente Biagioli, da qualcuno per lui, se addirittura è passato per l’approvazione di un consiglio di società (visto che è appunto firmato “Orvietana” e non con un nome e cognome). Se tutti i dirigenti lo hanno approvato ecc. Solo per mia curiosità, niente altro.

Comunque se qualche lettore si vuole nel frattempo fare avanti per seguire l’Orvietana nella prossima stagione ne possiamo parlare, sono appunto dieci anni che scrivo e ogni tanto un cambiamento fa anche bene, anche se mi tengo ovviamente libero di scrivere opinioni su chi voglio e quando voglio, come tutti peraltro!

 

Ancora buona estate a tutti (per fortuna è tornato un po’ di fresco, forse anche i colpi di calore saranno passati…)

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

2 Comments

  • Perseo

    Mamma mia che gaffe. Il presidente chiede al direttore di rimuovere il giornalista! Ma chi si sente? ma si rendono conto questi di quanto sono ridicoli?

  • Faragonda

    Centinaia di visualizzazioni, una valanga di “mi piace” su Facebook. Se l’Orvietana avesse la capacità di smuovere la metà delle persone che si sono mosse a leggere e commentare questo pezzo, avevamo il Muzi pieno tutte le domeniche. Che amarezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *