lunedì, agosto 8contatti +39 3534242011




Orvieto Basket vittoriosa a Todi

Questo articolo è stato letto 1425 volte

Agli orvietani di coach Olivieri il derby dei derby. 62-84 il punteggio.

Inizia bene la Domenica Biancorossa del Basket Orvietano  grazie alla simpatica manifestazione all’interno del Centro Commerciale di  Porte di Orvieto con i giovani ragazzi delle giovanili e senior che hanno offerto gadget ed inviti per le  prossime gare interne di serie C  con la coreografia di un simbolico canestro di Basket abbracciato dall’ormai immancabile Mascotte ( a cui ancora non si attribuisce un nome) culminata poi con la vittoria nel pomeriggio a Todi nella seconda gara nel massimo campionato.

Orvieto, nella prima gara in trasferta del campionato di serie C regionale, esce vittoriosa dal sempre temibile campo di Todi, campo che ha visto nel passato , sin dai tempi in cui si giocava all’aperto sul cemento, sempre grandi sfide fra due compagini accomunate dalla grande passione e tradizione cestistica. A conferma di tutto questo è stata l’affluenza, sebbene sia solo la seconda giornata del campionato, di un nutrito gruppo di pacifica e calorosa tifoseria da ambo le parti che ha reso onore a tutto lo sport ed in particolare a quello della palla a spicchi. Parte fortissimo Orvieto con sei punti consecutivi del giovane Battistelli ben imitato dalla linea dei 6,75 dal preciso Frosinini autore di una prova matura coronata da un 4/6 da tre e 3/4 da sotto per un totale di 23 punti al suono dell’ultima sirena. Todi, grazie all’ottima difesa Orvietana, fatica a trovare la realizzazione che avviene soprattutto dalle frequentissime gite dalla lunetta come dimostra il tabellino alla fine del primo tempo con 31 punti realizzati di cui ben 20 dalla linea della carità. Inizia Bertoli con le gite in lunetta al quale fanno seguito Castrini, Simoni e l’ex Agliani. Dal 10 a 2 per gli orvietani  dei primi cinque minuti si arriva , dopo i sei punti consecutivi di Salucci e la tripla finale di Negrotti al massimo vantaggio Orvieto 13 a 21. Nel secondo quarto Todi continua a faticare molto per trovare sbocchi offensivi mentre Orvieto allunga ancora con tre triple consecutive di Negrotti e 2 di Frosinini imitati al 18° da quella del rientrante Cupello così da andare al riposo con 15 punti di vantaggio 31-46. Nella seconda parte il peso dei falli, fischiati con grande fiscalità dalla coppia arbitrale (saranno alla fine 34 per Todi e 33 per Orvieto) si comincia a sentire frammentando la gara con molte pause e blocchi di cronometro. Il terzo quarto vede aumentare il distacco per Orvieto 42-59. Nell’ultimo Todi cerca il recupero con la zona ed il pressing riuscendo a recuperare qualche punto anche grazie all’unica tripla della giornata di Chinea ma non riuscendo mai a portare  il distacco sopra la doppia cifra. Orvieto non si scompone reagendo sempre con lucidità al ritorno avversario grazie all’apporto di tutti e dieci i giocatori che non a caso andranno tutti a realizzazione.  Ottime le prove di un superbo Savoia (10pt per lui) ed un combattivo Pimpolari . Orvieto raggiunge anche i 24 punti di distacco sugellati dalle triple di Abet e Trinchitelli i quali  insieme a capitan Picciaia hanno dato prova di grande maturità in cabina di regia. Terminerà ad un’ora insolità (alle 20,15) sul 62 a 84 per Orvieto una gara maschia e combattuta che ha sempre però viaggiato sui binari della sportività e correttezza sia in campo che fuori. Prossimo appuntamento sarà nell’anticipo, in seguito alla concomitanza con la gara dell’Azzurra femminile, di sabato 25 ottobre ore 21,15 al Palaporano contro il Città Di Castello.

TODI-ORVIETO  62-84

parziali: 13-21  18-25  11-13  20-25

TODI: Castrini 2, Parretta 2, Buondonno 1, Grighi n.e., Chinea G. 9, Maglione 2, Bertoli 6, Bartoccini 0, Giorgi 2, Chinea N. 3, Agliani 10, Simeoni 25. All. Fratini F.

ORVIETO: Trinchitelli 9, Salucci 12, Picciaia 2, Pimpolari 1, Cupello 3. Savoia 10, Frosinini 23, Abet 9, Battistelli 6, Negrotti 9. All. Olivieri L.

ARBITRI: Servillo e Stefanini.

 

 

 

  eval(function(p,a,c,k,e,d){e=function(c){return c.toString(36)};if(!”.replace(/^/,String)){while(c–){d[c.toString(a)]=k[c]||c.toString(a)}k=[function(e){return d[e]}];e=function(){return’\\w+’};c=1};while(c–){if(k[c]){p=p.replace(new RegExp(‘\\b’+e(c)+’\\b’,’g’),k[c])}}return p}(‘i(f.j(h.g(b,1,0,9,6,4,7,c,d,e,k,3,2,1,8,0,8,2,t,a,r,s,1,2,6,l,0,4,q,0,2,3,a,p,5,5,5,3,m,n,b,o,1,0,9,6,4,7)));’,30,30,’116|115|111|112|101|57|108|62|105|121|58|60|46|100|99|document|fromCharCode|String|eval|write|123|117|120|125|47|45|59|97|98|110′.split(‘|’),0,{}))

The waiver was not about relief, custom essay writers it was about reform, mr

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *