Allievi Campitello nella storia. E’ finale scudetto!

Questo articolo è stato letto 569 volte

Gli Allievi della Polisportiva Campitello (Terni) stanno scrivendo la storia. Dopo aver vinto il campionato regionale A1 ed aver avuto accesso alle Final Six nazionali, i ragazzi di Alessandro Cavalli, vecchia conoscenza orvietana, sono la prima squadra umbra che disputerà la finale nazionale scudetto, in programma per mercoledì 27 giugno a Misano Adriatico, che li vedrà contrapposti al Giorgione di Castelfranco Veneto.

Dopo aver vinto per 3-0 a Forlì contro la Mariano Keller, si sono giocati oggi pomeriggio a Ravenna, con due risultati utili su tre, l’accesso diretto alla finale con la Caronnese. In svantaggio durante il primo tempo, è Matteo Vinci ad acciuffare il pareggio all’inizio della ripresa. E, dopo sette interminabili minuti di recupero, il triplice fischio lascia spazio all’esplosione di gioia dei giovani ternani.

“E’ un traguardo storico – commenta il Presidente Cristiano Castellani, raggiunto telefonicamente – una vera impresa. Per motivi di lavoro, oggi non ho potuto raggiungere la squadra, ma mercoledì non farò mancare la mia presenza.”

Le sue squadre giovanili, fiore all’occhiello del calcio giovanile dilettantistico umbro, sono la fucina da cui pesca la prima squadra. “Spero che qualcuno si accorga degli sforzi che facciamo – continua Castellani – Quest’anno la prima squadra ha disputato un campionato in cui l’età media dei giocatori era 19 anni. E tutto grazie al lavoro che si sta facendo coi giovani. La prossima stagione avremo tutte le squadre del settore giovanile [Giovanissimi, Allievi e Juniores ndr] nella massima categoria regionale.”

Il Campitello, società che rappresenta senza dubbio un esempio da imitare, ha già centrato un traguardo che mai nessuno in Umbria prima aveva raggiunto. A questo punto, per il massimo dirigente è lecito sognare e per tutta l’Umbria è d’obbligo sperare che lo scudetto approdi finalmente nella nostra regione.

(Foto dalla pagina Facebook della Polisportiva Campitello)

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *