mercoledì, Maggio 22contatti +39 3534242011

Shadow

Orvietana, con grinta sul Terranuova Traiana


Partita dura, Omohonria, come all’andata, firma la vittoria.

TERRANUOVA T. – ORVIETANA 0-1

TERRANUOVA T. : Scarpelli, Maloku (30’st Dema), Artini, Farini, Cioce (42’st Mascia), Petrioli (50’ Castaldo), Meucci (37’st Occhiolini), Massai, Schinea (28’st Ceppodomo), Benucci, Sacconi. A disp.: Antonielli, Neri, Mazzeschi, Senzamici, Occhiolini. All.: Calori.

ORVIETANA: Marricchi, Frabotta, Caravaggi, Borgo, Ricci, Siciliano, Rosini (37’ Carletti), Proietto (39’st Siragusa), Tomassini (42’st Bassini), Alagia (22’pt Omohonria), Di Natale. A disp.: Rossi, Purgatori, Vicaroni, Chiaverini, Rinaldi. All.: Fiorucci.

ARBITRO: Guitaldi di Rimini (Moretti e Raschiatore di S. Benedetto T.)

MARCATORI: 20’st Omohonria.

NOTE: Espulso: Carletti (O) per fallo antisportivo al 50’st. Ammoniti: Borgo, Rosini (O); Farini, Petrioli, Dema e l’allenatore Calori (T). Angoli: 6-6. Recupero: 4 + 6.

L’Orvietana dimostra di aver imparato la lezione di Trestina: quando il gioco si fa duro, quando contano solo i punti, serve grinta, tenacia e determinazione, altrimenti si rischia di rimanere con un pugno di mosche in mano. E così è accaduto al Matteini di Terranuova, gara forse non spettacolare, molto agonismo, a volte anche troppo, arbitraggio non all’altezza che ha finito per innervosire entrambi, ma questa volta al triplice fischio ad esultare sono i ragazzi di Fiorucci.

Il Terranuova, che può vantarsi di aver messo sotto tutte le prime della classe, per poi però peccare negli scontro diretti, si presenta con lo stesso undici di partenza che aveva ottenuto la vittoria una settimana prima a Poggibonsi. Un solo cambio per Fiorucci: accanto a Tomassini c’è Di Natale a sostituire l’infortunato Mignani,. Proietto è in campo con una maschera che dovrebbe proteggergli la frattura nasale, ma che funge soprattutto da attira colpi degli avversari: già dopo 5 minuti, il giovane centrocampista subisce un contatto nel primo contrasto. Un po’ di apprensione, poi Proietto torna in campo. Anche Tomassini non è al meglio, costretto a giocare malgrado la febbre della notte. Come se non bastasse Alagia alza bandiera bianca dopo venti minuti per un risentimento muscolare: al suo posto Omohonria.

Insomma gli ingredienti per una domenica di sofferenza si presentano tutti subito, fortuna che la gara ristagna a centro campo e di tiri verso le due porte non se ne vedono, nemmeno per sbaglio. Continua però ad essere una partita fisica, altro scontro tra Borgo e Massai, testa contro testa, intorno alla mezz’ora e ancora gioco interrotto a lungo. Intanto prima dell’intervallo arrivano finalmente i primi due tiri in porta, uno per parte. Debole quello di Sacconi, facile preda per Marricchi. Più velenosa la punizione battuta da Tomassini che impegna al tuffo in angolo Scarpelli. Ma nessun risultato migliore dello 0-0 può descrivere quanto visto nel primo tempo.

La ripresa inizia come si era chiuso il primo tempo, a sprazzi le due squadre provano a spingere, come quando i padroni di casa conquistano alcuni corner di seguito, o come quando dall’altra parte Tomassini e Frabotta ci provano con tentativi dalla distanza, ma i portieri restano ancora a guardare. La gara continua ad essere caratterizzata da contrasti duri, ma se nel primo tempo l’arbitro usava fischietto e cartellini, nella ripresa lascia spesso correre, generando nervosismo da entrambe le parti. Qualche attimo di preoccupazione anche per una pallonata violenta, ovviamente involontaria, arrivata nella panchina orvietana, ne ha fatto le spese il fisioterapista Salvatore De Bellis, per lui occhiali rotti e brutta botta all’occhio destro.

La gara però si sblocca al 20’ della ripresa, Siciliano recupera di forza un pallone a centrocampo e subito serve in velocità Tomassini sulla destra, il numero nove orvietano crossa sul secondo palo dove, a pochi passi dalla porta, si fa trovare pronto Omohonria che di testa fa esplodere il settore ospiti del Matteini e il nutrito gruppo di tifosi orvietani al seguito.

Il Terranuova fatica un po’ a reagire e al 27’ rischia su un’altra ripartenza: viene servito Rosini che si libera di un avversario e serve Di Natale alla sua destra, ma il tentativo di Filippo è parato da Scarpelli. Nel finale di gara aumenta il pressing dei padroni di casa, ma senza precisione, l’unico a farsi pericoloso è Sacconi che prima, servito da Dema, chiama alla parata facile Marricchi, poi nel recupero si ripete con un colpo di testa ancora più angolato, ci vuole il colpo di reni dell’estremo difensore orvietano per blindare il risultato. L’Orvietana poi rimane anche in dieci per il rosso diretto a Carletti per un fallo a centrocampo, ci sta da stringere ancora i denti, fino al triplice fischio che porta tre punti pesantissimi nella classifica dell’Orvietana.

Prossimo turno domenica prossima in casa contro il Flaminia Civita Castellana.

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

No Banner to display

No Banner to display

Popups Powered By : XYZScripts.com