lunedì, Marzo 4contatti +39 3534242011
Shadow

Un super-Negrotti consegna il derbyssimo alla Aprilia Fiorenzi Orvieto

Le vittorie facili non piacciono alla Aprilia Fiorenzi Orvieto, i biancorossi orvietani hanno ormai abituato i propri tifosi a vere e proprie sudate fredde. Anche ieri al PalaPorano, nel derbyssimo in programma contro la Toppetti 2 Todi, i ragazzi di Zannini hanno fatto tremare gli spalti con una prestazione superlativa nei primi 30 minuti, un buco nero di 5 minuti in cui è successo di tutto, e altri 5 minuti in cui è suonata la sveglia e Orvieto si è portata via i due punti in palio.
Su tutti la fantastica giornata di Lorenzo Negrotti, 22 punti per lui a referto, 4 triple e un PalaPorano infiammato dalle sue incursioni sotto le plance.
Parte subito alla grande l’Aprilia e insacca i primi due punti con Varriale direttamente dalla palla a due. Zannini apre le danze con Salucci, Picciaia, Varriale, Guazzeroni e Lorenzo Negrotti.

E Negrotti sale subito in cattedra prima con una tripla al 3′ che porta Orvieto a 11 punti, poi su Salucci e si sale a 13, e infine insacca il 16simo punto con una tripla che manda in visibilio il PalaPorano e timbra 15 punti in 10 minuti. I ragazzi di Ferraro restano un po’ a guardare forse storditi e sorpresi dalla truppa di Zannini che mette in campo oggi una grinta incontenibile. Pasqualini e Profeti rispondono all’attacco orvietano e accorciano il distacco ma la frazione va ai biancorossi (25-20).

Sale di intensità la gara e l’Aprilia conferma una capacità offensiva concreta e una buona tenuta difensiva, entrano in partita Preda e Berrocal e il Todi svanisce. 30 e 32 a tabellone sono a marca Preda lanciatissimo e il divario arriva a + 12 sui tuderti. Arriva Olivieri a dare respiro all’infaticabile Salucci e subito si rende autore di una splendida azione. Orvieto non si batte, il team Zannini c’è e lo dimostra in ogni settore. A referto arrivano i punti di De Lutiis e Berrocal che chiude gli assalti in lunetta. Risponde il Todi con un tripla di Carboni ma non basta e il parziale della seconda frazione parla da solo, 20-8 per i padroni di casa e tabellone di 45-28.

Dal riposo lungo il Todi torna in campo con una migliore concentrazione, Ferraro manda a combattere Carboni, Capponi, Profeti, Pasqualini e Maglione, ma è sempre Orvieto a dettare legge. Zannini riapre i giochi con Negrotti, Salucci, Guazzeroni, Varriale e Picciaia. I biancorossi macinano punti su punti, ottimi spunti da Varriale, Berrocal e Picciaia. Arriva a dare rinforzo anche Patrignani. In regia Salucci imposta i suoi e non ce n’è per nessuno. A 3 minuti dalla terza sirena altra bomba di Negrotti per il micidiale 60-42. Capponi e Profeta si inventano qualche buona giocata e riescono a finire la frazione a 64-49.

L’ultima frazione, che avrebbe dovuto vedere la lenta cavalcata orvietana verso una comoda vittoria, registra invece una lezione della truppa Zannini su come si può perdere una gara già vinta. In campo i biancorossi spengono la luce forse accecati da una gara finora stretta in tasca e addio coronarie. In cinque minuti si passa da 64-49 al 66 pari e si va anche sotto per un 66-67 che non piace agli spalti e che la dice lunga dell’impasse in cui è caduta l’armata orvietana.
Una serie incredibile di errori e svarioni difensivi permette al pronto Ferraro di approfittare e spronare i suoi ad una possibile rimonta. In pochi minuti Pasqualini, Profeti e Capponi riducono lo svantaggio e sul 66-63 arriva la batosta Carboni che con una tripla prima impatta e poi sorpassa dalla lunetta. Siamo alla frutta. Orvieto è come se fosse già negli spogliatoi, e sugli spalti serpeggia il malumore ad ogni esaltazione della tifoseria tuderte. Ma Zannini richiama i suoi, suona la sveglia e verso la metà della frazione i biancorossi tornano in gara, non sbagliano allunghi, chiudono in difesa e vanno su ogni pallone con la grinta di chi non ci sta proprio a servire su un piatto d’argento la gara all’avversario. Così, il finale gara è tutto tiri liberi, Salucci stavolta non sbaglia nulla e Berrocal fissa il tabellone a 76. Chiude la tripla di Carboni che accorcia a 71.

Terza vittoria casalinga per Orvieto e conferma del buon momento del team biancorosso. La classifica si fa meno pesante e la stagione può concludersi in modo forse non soddisfacente per gli obiettivi fissati ma certamente in modo decoroso. Zannini ora forse deve lavorare più che sulle gambe dei ragazzi sulla testa, perché se in 30 minuti si è vista una Aprilia stupenda che avrebbe meritato posti ben più alti in girone, il finale gara in cui tutta la squadra si è seduta non solo rovina la prestazione generale ma può costituire il tallone d’Achille del team. Occorre trovare il giusto ritmo da mantenere costante lungo tutto il match, trovare forse la maturità nel gestire i meritatissimi vantaggi come quelli fissati a tabellone ieri.
Poco male. Domenica 22 marzo tutti a Roma a sfidare la Sam, fanalino di coda del girone.

Aprilia Fiorenzi Orvieto – Basket Todi 76 – 71
Parziali: 25-20, 20-8, 19-21, 12-22
Progressivi: 25-20, 45-28, 64-49

ORVIETO: Berrocal 6, Salucci 17, Picciaia 2, De Lutiis 9, Preda 7, Negrotti 22, Olivieri 2, Guazzeroni 4, Varriale 7, Patrignani. All. Zannini

TODI: Venceslai 4, Cardinali, Carboni 10, Gramaccia 3, Capponi 7, Maglione 11, Dolic, Valdisseri 2, Pasqualini 17, Profeti 17. All. Ferraro

ARBITRI: Luca Bellucci di Livorno e Daniele Mastrorosa di Grosseto

 

Risultati 11° giornata di Ritorno

 

Guidonia – Ponte Vecchio

70 – 71

Luiss – Aquila Basket

80 – 62

Umbertide – Aprilia

61 – 77

Ciampino – S. Cesareo

76 – 81

Torre de Passeri – Rieti

92 – 70

Basket Gubbio – Sam Roma

82 – 77

Orvieto – Todi

76 – 71

Stelle Marine Roma – Gaeta

68 – 77

 

 

Pt

G

V

P

F

S

Torre de Passeri

46

26

23

3

2092

1847

Aprilia

40

26

20

6

1748

1597

Umbertide

36

26

18

8

1797

1619

Rieti

36

26

18

8

2005

1798

Basket Gubbio

32

26

16

10

1867

1787

Gaeta

32

26

16

10

1971

1938

Luiss

28

26

14

12

1805

1736

Aquila Basket

28

26

14

12

1972

1932

Guidonia

28

26

14

12

1850

1883

Todi

22

26

11

15

1721

1801

Ponte Vecchio

20

26

10

16

1683

1807

S. Cesareo

18

26

9

17

1885

1953

Orvieto

18

26

9

17

1775

1832

Stelle Marine Roma

14

26

7

19

1710

1876

Ciampino

10

26

5

21

1784

1928

Sam Roma

8

26

4

22

1778

2109

 

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments


SOSTIENI L'INFORMAZIONE ORVIETANA.
SOSTIENI ORVIETO24/ORVIETOSPORT

1 Comment

  • don luca

    saro’ fuori x un po di tempo ma sono felice che la squadra va bene…..i mei complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Popups Powered By : XYZScripts.com