martedì, gennaio 31contatti +39 3534242011




Nuovo impegno per L’Orvietana in Coppa

Questo articolo è stato letto 204 volte


Su di nuovo il sipario sulle gare di Coppa Italia per l’Orvietana che domani, 2 novembre, sarà impegnata sul campo del Trestina.

Sotto il caldo sole agostano, il team, all’epoca guidato da Gianfranco Ciccone, portò a casa due vittorie su due incontri disputati, contro il Grosseto e contro il Follonica Gavorrano.

Oggi, tuttavia, sembrano essere passate ere geologiche da quei giorni. Ciccone non c’è più, esonerato insieme al DG Arcipreti dopo sei sconfitte in sette partite e un solo punto all’attivo.

In panchina, ora siede Fiorucci, per lui finora un pareggio e una sconfitta. Considerata la posizione complicata nella classifica di campionato e il lungo elenco degli infortunati, il tecnico dovrebbe dare alla Coppa l’importanza che merita. Cioè poca, a parere di chi scrive.

Rinaldi è tornato da Grosseto con il setto nasale fratturato; Traorè, che sembrava pronto ma evidentemente non lo era, a Grosseto ha giocato una frazione del secondo tempo e ha subito un riacutizzarsi del problema muscolare che lo aveva tenuto lontano dal campo per qualche settimana; Tomassini sarà ancora fuori dei giochi per qualche tempo, dopo l’infortunio occorsogli nell’ultima gara in casa. Sembra invece recuperato Brondi.

Dall’Orvietana fanno sapere che tra i convocati per la gara di coppa figurano diversi componenti la rosa della Juniores: Albani, Bahrii, Caravaggi e Chiaverini. È evidente l’intento da parte di Fiorucci di non voler rischiare in questo match nessun giocatore più di quanto sia necessario, per averne a disposizione il più alto numero nelle migliori condizioni per la prossima gara di campionato.

Si gioca a Trestina, domani 2 novembre alle 14,30. Si tratta di 3° turno che si disputa in gara unica (calci di rigore in caso di parità al 90’): la vincente affronterà ai sedicesimi di finale la vincente di Lupa Frascati – Arezzo. Arbitrerà l’incontro Falleni di Livorno (Camilli di Roma 1 – Elisino di Ostia).

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *