lunedì, novembre 29contatti +39 3534242011




L’angolo delle Tigri

Questo articolo è stato letto 130 volte

 

 

 

 

 

 

 

 

A cura di Pallavolo AZ Zambelli 

Venerdì 19/11 gara U16

Az Zambelli – Amerina Pallavolo 3-0
(25-5/25-13/25-21)

SABATO 20/11 gara 1 Divisione

Ed3M Ponte Felcino – AZ Zambelli 2-3
(21-25/25-18/25-16/19-25/10-15)

Una settimana, quella che sta finendo, ricca di gare di emozioni e tanto lavoro e sudore.

Venerdì 19/11 sono scese in campo le tigrotte della U16: avversarie di turno le pari età della Amerina Pallavolo. Una gara filata liscia nei primi due set con le rupestri sempre attente e tecnicamente efficaci, che hanno gestito con sprazzi di bel gioco tutte le situazioni dettate dal campo. Nel terzo set, quello in cui si è sperimentata qualche soluzione di gioco diversa, il parziale è stato un po’ più combattuto ma le giovani gialloverdi hanno portato a casa meritatamente il risultato con un netto 3-0.

Il giorno successivo le ragazze della prima divisione del presidente Flavio Zambelli sono andate in trasferta sul campo della Ed 3M a Ponte Felcino. È stata una gara durata due ore contro una squadra forte e ben organizzata. Le tigrotte si sono aggiudicate il primo set con uno sprint finale molto buono. Nei successivi due parziali le giovani della AZ Zambelli hanno subito il ritorno delle padrone di casa, sostenute da un pubblico appassionato. Nel quarto e quinto set però le ospiti hanno raccolto le forze e fatto tesoro di ciò che non era andato nei precedenti due parziali persi e hanno portato a casa una bella vittoria in rimonta.

“Siamo molto soddisfatti di quello che il campo e la palestra stanno evidenziando”, commenta Pino Iannuzzi, direttore sportivo AZ.  “Un gruppo che inizia a far tesoro delle esperienze negative del campo e le trasforma subito dopo in positivo. Alla prima esperienza di U16 e di Prima Divisione il percorso tecnico e di atteggiamento è tracciato e, se le ragazze continueranno a crescere, siamo certi che,  se ci saranno cadute, ci sapremo rialzare presto.”

Commenti

comments

Powered by Facebook Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *