Autore: Roberto Pace

La 47sima edizione de La Castellana si presenta. Con Ettore Bassi

La 47sima edizione de La Castellana si presenta. Con Ettore Bassi

Auto e Moto, La Castellana, Top0
Irrompe la Castellana e il motorsport orvietano è già tutto in fermento. Stamattina è arrivato l’ok riguardo all’idoneità del tracciato, lunedì prossimo, ventisei, si andrà alla presentazione ufficiale dell’edizione numero 47. Il Presidente, Luciano Carboni e tutto lo staff pregustano, per il sette l’8 settembre, una due giorni vincente. Paolo Roselli, in piena forma, si spinge anche più in là: “Prevedo un numero d’iscritti addirittura superiore a quello dell’anno scorso”. Paolo se ne intende, andare oltre le 160 macchine costituirebbe davvero il record dei record per una gara non titolata. Vedremo, anche perché, l’ennesima variazione della data, potrebbe riservare qualche sorpresa. Ricordiamo, ai meno attenti, che la data dell’8 settembre è stata scelta per mantenere il ruolo di prima
Castellana 2019 c’è la data ma non il CIVM

Castellana 2019 c’è la data ma non il CIVM

Auto e Moto, La Castellana, Top0, TopNews
I motori, per la Castellana 2019, edizione n. 47, si accenderanno fra 279 giorni. L’8 settembre, per la precisione e la cronoscalata orvietana avrà la validità per il TIVM (Trofeo Italiano Velocità Montagna), oltre ad essere stata confermata quale prima riserva nel CIVM (Campionato Italiano Velocità Montagna). L’ufficializzazione si è avuta venerdì, quando, a Roma, si sono riuniti i capi di ACI Sport e gli organizzatori per la ratifica dei calendari.. C’erano anche i rappresentanti dell’Associazione orvietana, che hanno preso atto, formalmente, della non iscrizione nel calendario del massimo campionato. La cosa era già nota, com’erano prevedibili le consuete belle parole di chi tiene le fila, con la promessa, che sta diventando una favola, di prendere in considerazione, quanto prima, la ro
Castellana no in CIVM. Delusione ma si va avanti

Castellana no in CIVM. Delusione ma si va avanti

Auto e Moto, Focus1, Focus1, La Castellana, Top0, TopNews
La Castellana? Amata, frequentata e apprezzata da chi vive le corse in prima persona, non gode i favori delle stanze, dove si dovrebbe guardare il curriculum per poi decidere sulla promozione o meno di una gara in salita. Anche nel 2019, come nel 2018, 2017 ecc. ecc., la gara orvietana non farà parte delle dodici salite fregiate CIVM (Campionato Italiano Velocità Montagna). La decisione, ufficiale, è stata presa ieri, a Roma, nella sede di ACI Sport. Nessuna rotazione, per la quale, l’anno scorso, si erano espressi personaggi importanti, solo ed esclusivamente un subentro, perché la gara di Fasano del prossimo anno, non si svolgerà per problemi legati alle condizioni della strada, cui necessita un rifacimento. La salita pugliese sarà sostituita dalla Rieti – Terminillo, rimanendo confer
La Castellana. Si lavora alla 45sima edizione

La Castellana. Si lavora alla 45sima edizione

Auto e Moto, Focus1, Sport
"La Castellana pittoresco percorso, gioiello di grazia naturale, che non è una salita per camosci, ma un divertimento per scoiattoli dove la guida la fa da padrona." E’ la frase rubata a Saverio Ciattini, oggi scomparso, giornalista della Nazione e di Autosprint, quando il settimanale dedicava ampio spazio alle cronoscalate. Nell’espressione c’è tutto il fascino della corsa di Orvieto, ormai prossima a tagliare il traguardo delle 45 edizioni. Il camoscio, robusto e compatto, è descritto come “il diavolo della montagna”, lo scoiattolo, abile e slanciato, sa muoversi, invece, con grande agilità, mantenendo sempre la traiettoria, usando la coda, quale timone. Che sono poi le qualità con le quali si fa il tempo sui sei Km e poco più del percorso orvietano. Dove, nel corso degli anni, si sono c
Coppa Carotti, il pilota orvietano Filippo Ferretti in gara al Terminillo

Coppa Carotti, il pilota orvietano Filippo Ferretti in gara al Terminillo

Auto e Moto, news1
Fresco della conseguita maturità Filippo Ferretti torna a vestire i panni del pilota. Per il diciannovenne orvietano, rivelazione convincente del 2016, il primo appuntamento sarà la Coppa Carotti, in programma domenica 24 al Monte Terminillo. La novità più succosa sta nella macchina, che non sarà l’Osellina 1000, ma la collaudata Radical SR4 1400, palestra affidabilissima per i giovani piloti che hanno voglia di crescere. Una scelta ponderata quella di Filippo, fatta da un ragazzo che sa ciò che vuole, ma intende raggiungerlo per gradi, senza strafare. La SR sembra fatta apposta per conciliarsi con le aspettative del prossimo studente universitario, come riportato sul contratto stipulato con il padre Paolo. L’Osellina, giovane e in aggiornamento continuo, a giudizio d
Max Biaggi sotto le cure di Matteo Brunelli: elogi e complimenti

Max Biaggi sotto le cure di Matteo Brunelli: elogi e complimenti

news1, Storie di Sport, Top 2 - NON USARE
Un altro orvietano va ad aggiungersi alla lista dei meritevoli che, con poche parole e fatti importanti, mantengono lucido il blasone della città del Duomo ben oltre l’ambito ristretto dei confini comunali. Stavolta, si parla di Matteo Brunelli, prossimo a compiere i ventiquattro anni, oggetto della riconoscenza e delle lodi di Max Biaggi, in un’intervista pubblicata dalla Gazzetta dello Sport. Per chi conosce, appena un po’, il carattere e le attenzioni, quasi maniacali, che il campione romano è solito dedicare a tutto ciò che lo riguarda sul fisico come sulla professione, basta ed avanza Massofisioterapista, laureato col massimo dei voti all'Università del Sacro Cuore, Matteo, conosciutissimo dal popolo del basket cittadino per la lunga militanza nell’Orvieto Basket, collabora con
In ricordo di Aldo Manieri

In ricordo di Aldo Manieri

news1
Ci ha lasciato Aldo Manieri. Il professore, l’imprenditore, il Cavaliere della Repubblica, il torinista fedele e competente, l’amico. Se n’è andato in silenzio, contravvenendo, per una volta, a una delle sue prerogative, quella di essere protagonista sui temi a lui più cari, parte integrante della sua vita. Aldo era stato, da sempre, un fermo sostenitore delle proprie idee, infischiandosi di andare contro corrente, forte di principi sani, a volte estroversi. Fa piacere ricordarlo alla guida di auto a marchio “AUTOBIANCHI” o PEUGEOT, sempre datate, ma da lui giudicate le migliori e più consone alle sue esigenze. Altrettanto gradevole citarne qualche azione, nella veste d’imprenditore o di uomo della Scuola, che lo portarono, anno dopo anno, ad essere considerato il fulcro della meccan
Fattorini si impone sul Passo dello Spino

Fattorini si impone sul Passo dello Spino

Auto e Moto, news1
Il Passo dello Spino si tinge di bianco e di rosso. Perché Michele Fattorini fa il primo assoluto stagionale, perché Massimo Vezzosi entra nella top ten della classifica per Auto storiche, perché Valentino Polegri vince la propria classe e il suo preparatore, Michele Mocetti sfiora il gradino più alto del podio con la Renault Clio appena ultimata. Menzione particolare per Mattia Chioccia, chiamato, per sbaglio, Michele, in sede di presentazione, ottimo secondo nella categoria d’appartenenza, con la Citroen Saxo. Domenica da incorniciare, a ragione, anche per gli apprezzabili risultati conseguiti dai piloti della Orvieto Corse oltreché dagli altri della scuderia MPM. Il successo di Michele Fattorini è giunto in condizioni di precarietà, con l’impianto elettrico recalcitrante a funzionare ne
La Fattorini Motorsport dopo le salite pronta anche alla pista

La Fattorini Motorsport dopo le salite pronta anche alla pista

Auto e Moto, news1
La Fattorini Motorsport, team Osella ufficiale, fa le prove generali per l’ingresso, più che probabile, nel mondo pistaiolo. Quindi, oltre le salite, le macchine del preparatore poranese potrebbero ritrovarsi a competere nelle gare più importanti riservate alle vetture sport prototipo. Domenica scorsa, a Misano, è andato in scena il primo atto. Protagonista, l’Osellina 1000, affidata all’esperienza di Danny Molinaro, driver habitué nel circo dei prototipi. La vettura ha risposto bene, il pilota si è inserito nel gruppo in lotta per le posizioni che contano, prima di un inconveniente che l’ha fatto retrocedere al settimo posto. Il team è, comunque, soddisfatto e l’esperienza sull’Adriatico dovrebbe ripetersi a Monza, sede della prossima prova di Campionato Italiano.    
Serata di gala per la Castellana. In attesa del ritorno di Paolo Roselli

Serata di gala per la Castellana. In attesa del ritorno di Paolo Roselli

Auto e Moto, Focus, La Castellana, news1
Per l’Associazione della Castellana sta diventando, ormai, prerogativa, quella di non sbagliare un colpo. E’ stato così anche per la serata di Gala, svoltasi sabato scorso presso l’accogliente Relais Borgo San Faustino, sulla collina orvietana, lato Monte Peglia. Un momento per veri appassionati, così l’ha definito il presidente, Luciano Carboni, con un ospite eccellente che non ha tradito le attese. Corrado Canneori ha simpaticamente riproposto le varie tappe di una carriera nella quale, con vari step, ha vestito i panni di meccanico, pilota, preparatore, presidente di Scuderia, organizzatore. Persona che conosce a fondo il mondo delle corse, rimasto fedele all’umiltà e alle cose semplici, nonostante i successi delle macchine preparate nella sua officina, oggi CA.AL, gestita con l’amico A
Primi ruggiti per la Castellana 2017. Si comincia con una cena

Primi ruggiti per la Castellana 2017. Si comincia con una cena

Auto e Moto, Focus 2, news1
Primi ruggiti dell’Associazione La Castellana, giusto un centinaio di giorni o poco più dall’evento 2017. Con una premessa importantissima che riguarda il Direttore, Paolo Roselli, il quale, sta molto meglio ed è in grado di fornire il suo contributo, fatto d’idee e, soprattutto, di esperienza. Quest’anno, l’Associazione del Presidente Luciano Carboni si presenta con un avvenimento dal sapore mondano. Più precisamente, una serata di Gala, così è stata definita, in programma sabato 27 maggio, presso il Relais Borgo San Faustino, alle pendici del Monte Peglia. C’è un ospite d’eccezione, Corrado Canneori, tuderte, contitolare di una delle factory più note in campo nazionale e oltre, nella preparazione di auto da competizione. Una storia importante, fatta di passaggi significativi, che partono
Alessandro Costanzo designato per la finale di Coppa Italia

Alessandro Costanzo designato per la finale di Coppa Italia

Arbitri, news1
Finale di stagione in crescendo per l’assistente orvietano Alessandro Costanzo. Dopo il derby di Torino con Orsato e la sfida tra Atalanta e Milan con il fiorentino Rocchi, Costanzo impugnerà la bandierina Mercoledì, all’Olimpico di Roma, sede della finalissima di Coppa Italia fra biancocelesti laziali e bianconeri juventini. Dirigerà Tagliavento, della sezione di Terni. Due terzi della terna umbri, l’altro è Cariolato, quale conferma circa le qualità della classe arbitrale nella nostra regione e della quale Alessandro rappresenta una delle punte di diamante. Scorrendo i dati ufficiali della stagione 2016-2017, pubblicati da Worldfootball, risaltano le sue diciassette presenze nella massima serie, escluse quelle da quarto uomo, le quattro in Europa League, le due designazioni per la
Federico Giulivi è il nuovo Fiduciario Provinciale di ACI Sport

Federico Giulivi è il nuovo Fiduciario Provinciale di ACI Sport

Auto e Moto, Focus, Sport Istituzioni
Federico Giulivi, orvietano, ad un passo dalla Laurea in Ingegneria, è il nuovo Fiduciario Provinciale di ACI Sport. Una nomina significativa, già ricoperta in passato da Sante Coscetta e Paolo Roselli, per introdurre, in maniera più diretta, un giovane che ha nella passione e nelle competenze le sue qualità migliori. Un incarico che, pur indirettamente, riconosce i meriti dell’Associazione della Castellana, unico sodalizio organizzatore di eventi nella provincia e alla quale Federico attribuisce, simpaticamente, il plagio per la sua iniziazione allo sport del motore. Non conosce soste, quindi, la New entry di figure nuove, scuderie, piloti nella città della Rupe. E sarà proprio uno dei compiti del neo fiduciario, quello di raccoglierne le istanze e farsene portavoce verso gli organi feder
Tonino Camilli all’Europeo della Montagna

Tonino Camilli all’Europeo della Montagna

Auto e Moto, news1
Anche il CEM, Campionato Europeo della Montagna, profuma un poco di orvietanità. Testimonial, un rupestre doc., dai più conosciuto per le sue qualità di orafo, piuttosto che per le gesta motoristiche. Tonino Camilli, ad un passo dagli anta, ha deciso, quest’anno di varcare i confini. Domenica passata era in Austria, a Rechbergrennen, sede della prima prova valida per campionato. Vinta, per la cronaca, da Christian Merli con l’Osella PA30, in un pomeriggio all’insegna del tricolore. Chiaramente, Tonino non corre per l’assoluto. La sua FIAT 1100 Ala d’Oro, carrozzeria Stanguellini, costruita nel 1947, concorre, al massimo, per una posizione d’eccellenza fra le bellezze del reame. Ed è stato proprio questo, l’aspetto che ha colpito maggiormente il gentleman orvietano:”Sembrava di essere dalle
Orvietani in gara alla Cronoscalata Camucia-Cortona

Orvietani in gara alla Cronoscalata Camucia-Cortona

Auto e Moto, news1
I piloti orvietani tornano a far rombare i motori. Dopo l’apertura di Montefiascone, domenica si corre in Toscana, più precisamente a Camucia, località di partenza della XXXI^ edizione della cronoscalata che termina a Cortona, dopo 3800 mt. Due manche, a partire dalle 10.00, con 176 iscritti a far sorridere gli organizzatori. E’ la seconda prova, valida per il Campionato Italiano Auto Storiche e alla competizione sono anche ammesse 25 vetture moderne. Fra queste, c’è l’Osellina, al volante Michele Fattorini, più che mai desideroso di testare la vettura su strada, dopo il forzato forfait di Montefiascone. Chiarito il guasto che aveva fermato le prove di Magione, il gioiellino torinese, di cui tutti parlano bene, è pronto per dare battaglia ad altre Osella, abbastanza datate, ma tutte con